Articoli

HYUNDAI TUCSON: PROBLEMI, DIFETTI, AFFIDABILITA’

Se state cercando un’auto usata spaziosa e confortevole, di dimensioni non impegnative e adatta alle esigenze di tutta la famiglia, non potete non considerare la suv Hyundai Tucson. La Hyundai Tucson di cui ci occupiamo in questa pagina è stata presentata dalla casa automobilistica sudcoreana nel 2015 ed è stata sottoposta a restyling tre anni dopo. Nel 2020 è stata presentata la quarta generazione, che andremo ad esaminare prossimamente. Ma la storia del modello venduto in quasi un milione e mezzo di unità in Europa (sette milioni nel mondo) parte da lontano: il modello Tucson fa il suo debutto originariamente nel 2004 e viene sostituito dalla ix35 (la ix35 aveva questo nome solo in Europa, mentre nel resto del mondo ha mantenuto il nome Tucson) nel 2009.

Disponibile a trazione anteriore e integrale, la Hyundai Tucson è a prova di sterrato ma non certo adatta al vero fuori strada (per questo, ci sono modelli più adatti, come per esempio la Jeep Renegade) e si trova con motori a benzina e a gasolio fluidi e non troppo rumorosi  

Continua a leggere

AUTO USATE: PARLIAMO DI MANUTENZIONE.

L’acquisto di un’auto di seconda mano consente un notevole risparmio rispetto a un veicolo nuovo (un’auto nuova perde dal 25 al 35% del suo valore solo nel primo anno). Tuttavia, una vettura usata potrebbe rivelarsi più onerosa dal punto di vista della manutenzione, specie se ha qualche anno (…e chilometro) sulle spalle. Se a venderla è un privato, che per legge non è obbligato a fornire alcune garanzia, consigliamo un’attenta valutazione (e l’assistenza di un esperto: alcuni dei controlli elencati vanno fatti in officina).

Continua a leggere

Dacia Logan 1 (2005-2012): problemi, difetti, affidabilità. Se vuoi spendere il minimo, hai “fame” di spazio e sei allergico all’elettronica

La Dacia, oggi, produce delle vetture tecnologiche e ormai non distanti dagli standard Renault (la casa francese è la proprietaria della Dacia). Tuttavia, non è sempre stato così. La vettura che ha sancito il ritorno della casa romena in Europa (la prima serie della Logan) infatti, era assai spartana, tanto che le versioni “base”, nei primi anni, erano addirittura prive dei vetri elettrici e della chiusura centralizzata. Per non parlare delle finiture assai “povere”, da vera… low-cost.

Continua a leggere